La metafora del suono come être vivant e il suo ruolo nelle poetiche compositive contemporanee

Ingrid Pustijanac

This paper explores the relationship between music and nature by focusing on the metaphor of sound as être vivant. Coined by Émile Leipp, the metaphor had a deep and lasting influence on the theoretical and compositional horizon of spectral and post-spectral music. After contextualising the genesis of the metaphor, the author dwells on Gérard Grisey’s thought to show how his reflection on the dynamic, complex, and unstable nature of natural/acoustic sounds has prompted a strong redefinition of musical grammar, in which artifice and nature are increasingly connected. As well as opening up new scenarios in terms of soundspace articulation, Grisey’s technique of instrumental synthesis also conditioned many composers of the following generation. The last part of the article focuses on the analysis of Amok Koma by Fausto Romitelli, a composer who responded to the challenge of spectral thinking by inaugurating new ways of exploring acoustic space. In the analysed piece, and more generally in Romitelli’s poetics, the metaphor of sound as être vivant discloses its driving force and its deep relationship with the act of listening.

 

Il saggio affronta il tema del rapporto tra musica e natura concentrandosi sulla metafora del suono come être vivant. Coniata da Émile Leipp, la metafora ha esercitato un’influenza profonda e duratura sull’orizzonte teorico e compositivo della musica spettrale e post- spettrale. Dopo aver contestualizzato la genesi della metafora l’autrice si sofferma sul pensiero di Gérard Grisey, per dimostrare come la sua riflessione sulla natura dinamica, complessa e instabile dei suoni naturali/acustici abbia avviato un forte ripensamento della grammatica musicale, in cui artificio e natura sono sempre più connessi. Oltre a inaugurare nuovi scenari di articolazione dello spazio sonoro, la tecnica della sintesi strumentale di Grisey ha condizionato molti compositori della generazione successiva. L’ultima parte dell’articolo è dedicata all’analisi di Amok Koma di Fausto Romitelli, un autore che ha raccolto la sfida del pensiero spettrale avviando nuove modalità di esplorazione dello spazio acustico. Nel brano analizzato, e più in generale nella poetica di Romitelli, la metafora del suono come être vivant rivela la sua forza propulsiva e il suo profondo legame con l’atto dell’ascolto.

 

Chiudi il menu